Bear market: 5 cose da sapere sul mercato ribassista

Bitpanda

Da Bitpanda

bear-market-time-for-hibernation-5-bare-necessities-to-get-through-turbulent-times-bitpanda-blog

La caduta dei prezzi delle azioni e delle criptovalute per un periodo di tempo prolungato, con perdite di almeno il 20%, viene definita mercato ribassista o bear market. Se la recente tendenza al ribasso ti preoccupa al punto da aver preso in considerazione l'idea di smettere di investire fino a quando i mercati non torneranno a salire, ecco alcune cose che dovresti tenere a mente.

L'uso dei termini "bull" (toro) e "bear" (orso) per indicare tendenze rispettivamente rialziste e ribassiste dei mercati azionari può essere fatto risalire al diciassettesimo secolo, quando il commerciante di diamanti Joseph de la Vega, nella famosa opera sui mercati azionari che chiamò opportunamente Confusion de Confusiones, intuì che i prezzi di una borsa valori erano influenzati dallo scontro tra due gruppi di investitori, quelli che si aspettavano un rialzo, e perciò compravano (comportamento attualmente chiamato “bullish”), e quelli che si aspettavano un ribasso, vendendo di conseguenza (“bearish” nel gergo attuale).

De la Vega aveva paragonato le oscillazioni di prezzo al rialzo e il sentimento positivo a un toro che spinge le corna dal basso verso l'alto. Al contrario, i prezzi in calo e pessimismo venivano paragonati a un orso che sbatte la zampa dall'alto verso il basso. 

Quest’ultimo sembra l’umore prevalente sul mercato in questo periodo. Perciò, nell'attesa di tempi migliori per te e per il tuo patrimonio, ecco 5 cose da sapere sul mercato ribassista. 

1. Ciò che sale, prima o poi scende (e viceversa)

Un bull market è simile a una festa: gli invitati si divertono senza pensare al fatto che la festa finirà, ma a un certo punto finisce per forza. Allo stesso modo, i prezzi delle azioni non possono salire tutto il tempo: a un certo punto la fase rialzista finisce e si entra in un bear market. 

Sebbene le fasi ribassiste storicamente tendano a durare meno rispetto a quelle rialziste, possono essere difficili da sopportare, soprattutto per chi è alle prime armi con gli investimenti: cominci a renderti conto che le aspettative degli investitori sono sempre più negative, che il tuo portafoglio è per larga parte in rosso e che questo stato di cose non sembra destinato a cambiare molto presto. 

Beh, in questi momenti è bene tenere a mente che anche i mercati ribassisti prima o poi finiscono. Anzi, in termini storici, la durata media di un mercato ribassista è stata finora di circa dieci mesi, mentre il più lungo mercato rialzista conosciuto è durato undici anni. 

Ciò che è importante capire è che il mercato segue dei cicli, cioè sequenze di eventi che si ripetono regolarmente. Nel caso dei mercati finanziari, si possono distinguere quattro fasi simili a quelle dei cicli economici, con sviluppi verso l'alto e verso il basso ripetuti nel tempo:

- la fase di espansione, che porta con sé crescita e mercati rialzisti in cui gli investitori tendono a comprare

- la fase di picco, caratterizzata da una pressione d'acquisto e poi dalla saturazione: gli investitori smettono di acquistare asset perché i prezzi sono troppo elevati

- la fase di stagnazione, in cui i mercati si indeboliscono e calano

- la fase di sell-off, in cui i mercati scendono al livello più basso possibile per qualche tempo prima che il ciclo ricominci con una fase di espansione (nessuno sa quanto sia lungo questo "qualche tempo").

2. Occhio a segnali come l’inflazione

L'inflazione è un fenomeno monetario caratterizzato da un processo di aumento sostenuto del livello dei prezzi di beni e servizi. In altre parole, quando sale l’inflazione puoi acquistare meno beni per la stessa quantità di denaro rispetto a prima. 

Mentre aumenti moderati dell'inflazione sono naturali e contribuiscono a mantenere il potere d'acquisto sul medio termine, l'inflazione diventa problematica quando il suo sviluppo inizia ad accelerare e diventa sempre più imprevedibile, aumentando il rischio finanziario. L'aumento dell'inflazione è spesso un indicatore di un imminente aumento dei tassi di interesse, con conseguente calo dei prezzi di mercato e rallentamento della crescita economica.

Le banche centrali cercano di frenare l'inflazione aumentando i tassi di interesse di riferimento e allo stesso tempo cercano di stabilizzare l'economia senza rallentarla troppo. Poiché un aumento dei tassi di interesse significa anche che prendere in prestito denaro per gli investimenti e i consumi attraverso le istituzioni finanziarie diventa più costoso per i consumatori e le aziende, una prima reazione negativa dei mercati azionari a notizie che facciano presagire un aumento dei tassi è di solito quasi immediata, mentre altri indicatori economici, come i tassi di occupazione, possono impiegare molto più tempo per reagire. Quando le aspettative sui tassi d'interesse scendono invece, i mercati di solito tendono a risalire, in quanto ciò è spesso considerato un'indicazione di crescita economica imminente. 

Infine, anche fattori geopolitici come le guerre, la pandemia di COVID e l'andamento dei prezzi delle materie prime così come altri fattori possono contribuire alla formazione di un mercato ribassista. 

3. Come prepararsi a un mercato ribassista

Qual è il modo migliore per prepararsi a un mercato ribassista? Ci sono diverse precauzioni che gli investitori possono prendere per prepararsi ai periodi di ribasso. Prima di tutto, assicurati di pianificare il futuro sia per i tempi di vacche grasse che per quelli di magra. Inoltre, ti conviene imparare le basi dell'analisi fondamentale e dell'analisi tecnica dei titoli azionari prima di prendere qualsiasi decisione di investimento

Il motivo per cui si investe in una varietà di asset è che ciò garantisce un alto livello di diversificazione del portafoglio, poiché storicamente i diversi tipi di asset sono stati colpiti dai mercati ribassisti in modo diverso (soprattutto per quanto riguarda titoli growth e titoli value). Prova a pensare ai diversi scenari possibili per i tuoi titoli: in che modo i rispettivi settori sono influenzati da diversi scenari e quali sono i rischi intrinseci?

Esercitati a leggere i grafici di trading e quelli "a candele" e impara a conoscere gli indicatori di trading più importanti. Delinea la tua strategia di investimento con largo anticipo, in modo che sia pronta per quando dovrai affrontare i momenti difficili, e impara a rispettarla per evitare di vendere in preda al panico

Informati sugli exchange-traded funds (ETF), impara a conoscere le obbligazioni, le aziende che offrono azioni a dividendi elevati e "titoli difensivi", tra cui quelli di aziende che offrono beni e servizi sempre necessari al pubblico, indipendentemente dall'andamento del mercato.

4. Tieni a bada le emozioni

Una volta che il mercato ribassista è definitivamente arrivato, è un buon momento per fare alcune cose ed evitare di farne altre. Prima di tutto, non farti prendere dall'emotività di fronte a un calo dei prezzi e non vendere in preda al panico i tuoi asset. Storicamente , i recuperi dal mercato ribassista hanno il potenziale di fornire alti rendimenti, mentre la vendita di asset per una reazione emotiva rende le perdite definitive. 

Se stai investendo a lungo termine (secondo una strategia “buy and hold”), ricorda che i mercati prima o poi si riprenderanno. Se stai cercando di trasformare la crisi in un'opportunità e di adottare un approccio proattivo alla situazione del mercato, considera di investire con Bitpanda Savings per sfruttare lo unit cost averaging, monitorando attivamente gli sviluppi economici ed esplorando altre opportunità di guadagno extra, come ad esempio il crypto staking. Se invece sei un investitore esperto, potresti valutare altre opzioni.

5. Aspetta che le cose cambino

Anche se non esistono segnali certi che indichino la fine di un mercato ribassista e bisogna evitare di farsi ingannare da risalite momentanee, ci sono degli indicatori che possiamo tenere d’occhio per determinare se la il mercato si stia avviando verso una ripresa. Tieni sotto controllo gli utili societari dei tuoi titoli preferiti per vedere se sono in crescita rispetto ad altre aziende e settori e altri segnali di inversione di tendenza del mercato, come ad esempio gli indicatori di ripresa economica e di aumento della fiducia degli investitori. 

Tieni sempre presente che dipende da te come investire e quali decisioni prendere: non dovresti mai investire più di quanto tu possa permetterti di perdere. Scopri l'andamento dei prezzi delle tue criptovalute, azioni*, ETF* e metalli preziosi preferiti sulla nostra app per iOS e Android e inizia il tuo viaggio nel mondo degli investimenti qui.

Disclaimer

Le informazioni condivise in questo articolo non costituiscono un consiglio di investimento. Investire comporta dei rischi. Assicurati di condurre le tue ricerche prima di concludere una transazione. *Le azioni Bitpanda sono contratti che replicano un asset sottostante (un'azione o un ETF) e sono offerti da Bitpanda Financial Services GmbH. Maggiori informazioni sul prodotto e il prospetto sono disponibili su bitpanda.com.

Bitpanda

Bitpanda