Leggi questo post in tedesco, francese, spagnolo, turco, polacco o inglese.

Il 22 dicembre, la Securities and Exchange Commission (SEC, in italiano Commissione per i Titoli e gli Scambi), il principale ente di vigilanza statunitense responsabile dell'applicazione delle leggi federali sui titoli azionari negli Stati Uniti, ha annunciato la presentazione di un'azione legale contro Ripple Labs Inc., i fondatori della rete Ripple e la relativa criptovaluta, l’XRP. Molti di voi hanno seguito da vicino gli sviluppi relativi a Ripple e SEC. Ecco le risposte alle vostre domande più urgenti.

Che cos'è Ripple (XRP)?

La rete Ripple e la sua criptovaluta XRP sono stati inizialmente creati da Ripple Labs Inc. nel 2012 come rete di insediamento globale per consentire i trasferimenti di fondi in modo affidabile ed economico. Pertanto, a differenza di Bitcoin, Ripple non è una rete peer-to-peer decentralizzata.

Creata dai suoi fondatori come iniziativa di investimento ecosistemica, XRP si è rapidamente sviluppato in un altercoin di notevole prestigio e popolarità, collocandosi stabilmente tra le prime cinque criptovalute al mondo in termini di capitalizzazione di mercato.

Che cos'è la SEC (Securities and Exchange Commission, in italiano Commissione per i Titoli e gli Scambi)?

La Securities and Exchange Commission (SEC) è il principale ente statunitense di vigilanza responsabile dell'applicazione delle leggi federali sui titoli azionari negli Stati Uniti. Tra i vari compiti della SEC vi è la regolamentazione del settore dei valori mobiliari, tra cui i titoli azionari e le opzioni.

Poiché l'emissione di token o criptomonete non era soggetta ad alcuna legislazione nei primi tempi delle criptovalute, tali beni erano completamente esclusi da qualsiasi quadro normativo o giurisdizione. Con la crescente adozione globale di token e di valute digitali, le autorità di tutto il mondo stanno lavorando allo sviluppo di strutture normative con l'obiettivo di garantire che le offerte di token di qualsiasi tipo siano conformi alla legge. Negli USA, la SEC stabilisce in che modo le aziende sono tenute a dichiarare le loro offerte di titoli in quanto tali (Howey Test).

Cos'è l’Howey Test?

L’Howey Test è una metodologia introdotta nel 1946 per determinare se operazioni come un IPO o un ICO costituiscano o meno un contratto di investimento. Definisce un bene come un titolo se "una persona investe il proprio denaro in un progetto comune ed è portata ad aspettarsi profitti derivanti esclusivamente dagli sforzi del promotore o di un terzo". In parole povere, l’Howey Test è utilizzato per determinare se “mettere denaro” in un'azienda o in un progetto equivalga a un investimento.

Cos'è successo a Ripple?

Il 22 dicembre, la Securities and Exchange Commission (SEC), il principale ente statunitense di vigilanza responsabile dell'applicazione delle leggi federali sui titoli negli Stati Uniti, ha annunciato la presentazione di un'azione legale contro Ripple Labs Inc. e i suoi dirigenti.

La SEC sostiene che i fondatori hanno lanciato la rete Ripple e l'XRP come parte di un'offerta di titoli non registrata e continuativa diretta agli investitori negli Stati Uniti e in tutto il mondo, raccogliendo più di 1,3 miliardi di dollari statunitensi. Pertanto, l’azione legale verte sul fatto che la SEC considera che Ripple non abbia registrato la sua offerta come contratto di investimento per gli investitori.

Cosa significa questo per me come utente di Bitpanda e Bitpanda Pro?

Bitpanda segue da vicino l'attuale dibattito legale tra la SEC e Ripple Labs Inc. e ha deciso di adottare le seguenti misure:

Per il momento e fino a nuovo avviso, Bitpanda manterrà l’XRP su Bitpanda e Bitpanda Pro. Questo perché vogliamo evitare di danneggiare i nostri utenti che vogliono vendere i loro XRP oppure comprare comunque XRP.

Tuttavia, in collaborazione con il nostro partner MVIS, XRP sarà rimosso da tutti gli indici Bitpanda Crypto (BCI 5, BCI 10 e BCI 25) come parte dell'operazione di riequilibrio dell'indice alla fine di dicembre 2020.

XRP non è attualmente definito come un titolo secondo la legislazione europea e quindi è conforme al quadro normativo esistente. Bitpanda sta monitorando attentamente gli sviluppi della controversia legale nel caso in cui emergano nuovi elementi. Vi terremo informati man mano che la questione procede.